QUANDO L’ANTINFIAMMATORIO NON BASTA!!!

POSTURA E RIEDUCAZIONE.
5 Maggio 2016
RIABILITAZIONE E ALLENAMENTO PROPRIOCETTIVO.
8 Giugno 2016

QUANDO L’ANTINFIAMMATORIO NON BASTA!!!

adfisio dolore miofasciale

 

Sicuramente vi sarà capitato di avere un dolore sordo, che fa fatica a lasciarvi in pace, un dolore non facilmente localizzabile su di un muscolo che presenta una notevole tensione. Un dolore che determina debolezza e che migliora dopo aver fatto una doccia calda, un dolore resistente o poco reattivo al classico antinfiammatorio.

I numeri affermano quanto questa condizione sia estremamente frequente, essendo colpita l’85% della popolazione almeno una volta nella vita. Ebbene, stiamo parlando della sindrome mio fasciale o dolore muscolo scheletrico.

Si tratta di una condizione caratterizzata da dolore muscolare profondo con rigidità dell’area muscolare coinvolta, spasmi e debolezza muscolare.

La causa principale di questa fastidiosa patologia è da attribuire ai TRIGGER POINT veri e propri noduli dolenti all’interno di una banda rigida di un muscolo scheletrico che risulta dolorosa alla compressione, allo stretching e che dà luogo a dolore riferito distante dal punto stesso.

Alla palpazione il paziente riconosce il dolore provocato, come un dolore familiare, come lo stesso dolore che gli provoca il disturbo di cui soffre. Come riportato in figura, ne è un esempio il trigger point del muscolo sternocleidomastoideo. Il dolore può essere riferito come un mal di testa lungo la parte anteriore della fronte, un dolore oculare profondo (con alterazioni della vista), un dolore durante la deglutizione o dietro l’orecchio.

trigger point adfisio francavilla al mare

(X = trigger point; rosso= decorso doloroso)

 

I trigger point possono insorgere per svariati motivi:

  • lavoro muscolare ripetitivo a basso carico;
  • posture prolungate;
  • sforzi muscolari;
  • traumi o stress;
  • insufficienza vitaminica o disfunzioni alimentari;
  • malattie generalizzate (influenza);

 

La diagnosi della sindrome mio fasciale è prevalentemente clinica e si basa sulla sintomatologia riferita e sull’esame obiettivo. Per individuare il trigger attivo si effettuano dei test muscolari e attraverso una palpazione con i polpastrelli si ricerca il nodulo all’interno della fascia contratta. Una volta individuato, si applica in maniera costante,graduale e lenta una pressione che viene mantenuta finché non si avverte un ammorbidimento del trigger stesso.

Ogni singolo tp attivo proietta il dolore in una precisa zona topografica del corpo che è uguale per tutti i soggetti. La disattivazione del tp attivo porta alla scomparsa immediata dei sintomi.

La pressione esercitata sulla zona dei trigger point riduce l’ipertono muscolare, aumenta il flusso di sangue e di ossigeno ai tessuti, favorisce la rimozione dei rifiuti metabolici e modifica la viscosità per un miglior movimento complessivo del tessuto. Quando viene applicata la compressione, il passaggio del sangue verso particolari tessuti sarà inizialmente ostruito ma quando la pressione viene rimossa il sangue , ricco di nutrienti, tornerà nella zona desiderata per migliorare il processo di guarigione. La sensazione che si prova è quella contemporanea di dolore e liberazione, una strana percezione che viene definito spesso come il “dolore piacevole”.

adfisio fisioterapia francavilla al mare

Successivamente al trattamento, è di fondamentale importanza istruire il paziente sulla giusta esecuzione di esercizi di allungamento, da poter svolgere autonomamente e sulla presa di coscienza di tutte quelle posture e movimenti errati che hanno contribuito all’evoluzione della patologia.

1 Comment

  1. […] Essi possono essere descritti come piccole masse o noduli dolorosi percepiti all’interno delle bande tese del muscolo. Elemento importante che li caratterizza, è che, la pressione su di essi riproduce i sintomi e irradia il dolore con una distribuzione specifica e riproducibile. I trigger possono essere racchiusi all’interno di muscoli lontani dal punto in cui viene percepito il dolore. Per approfondire leggi l’articolo nel blog:http://adfisio.com/2016/05/23/dolore-miofasciale-e-trigger-point/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *